La storia di Bonivini

Bonivini nasce dalla passione per la viticoltura, portata avanti con entusiasmo e determinazione di Luigi Losi, farmacista di Pozzallo, che dopo aver trascorso l’infanzia a San Giovanni Valdarno, nella campagna toscana, in cui le viti si coltivavano per tradizione, 35 anni fa decise di acquistare i propri terreni in un’area a vocazione naturale, tra Noto e Pachino.

Grazie al terreno di famiglia i tre figli, Lando, Leonardo, Luca, coltivano la stessa dedizione e passione per la produzione vitivinicola: sin da piccoli amavano ammirare il lavoro dei contadini, respirare i profumi della terra, seguire con attenzione le fasi di crescita dell’uva fino a giungere a maturazione. Da lì ebbe iniziò l’ammirevole percorso imprenditoriale dell’azienda, iniziato con una produzione limitata e solo per uso familiare per poi proseguire nel 2014 con la nascita del marchio Bonivini e l’espansione della produzione e della vendita.

Bonivini Oggi

Ad oggi presente nel territorio del Val di Noto con una superficie vitata di 16 ettari,
l’azienda gode di una fortunata posizione geografica e dal clima generoso che le consentono di produrre uva e vini di qualità.

Il controllo iniziale della quantità prodotta, mantenuta appositamente entro limiti prestabiliti, il sistema di coltivazione non intensivo, la raccolta a mano come si faceva un tempo, il rispetto di determinati standard qualitativi in ogni fase della lavorazione, consentono inoltre di ottenere in modo naturale un vino di alto livello, un Nero d’Avola consistente e gradevole al palato, nelle due versioni Eloro DOC e Noto DOC.

scopri il nostro territorio

i nostri Vigneti

Il nostro vino nasce in una zona storicamente votata alla produzione di Nero d’Avola, originato dall’omonimo vitigno autoctono introdotto ai tempi della colonizzazione greca, considerato per le sue caratteristiche uniche al mondo. In particolare i vigneti dell’azienda sono situati in due rinomate contrade del Val di Noto, che rientrano nelle denominazione di origine Noto Doc ed Eloro Doc, espressione del risultato di un buon rapporto tra territorio, vigne e microclimi, nonché del rispetto della tradizione rivisitata in chiave moderna.

  • Buonivini

    Una delle aree di maggiore pregio dell’ambito vitivinicolo, si trova nell’entroterra e presenta terreni di origine calcarea esposti a venti di scirocco che conferiscono al vino robustezza e colore intenso.
    Qui l’azienda possiede vigneti coltivati con sistema di allevamento a spalliera con filari.

  • Sichilli

    L’area è più vicina alla costa, nelle vicinanze dell’Oasi Naturalistica di Vendicari, in prossimità della caratteristica Marzamemi e delle spiagge di sabbia fine e chiara di San Lorenzo. Presenta terreni argillosi esposti a venti più freschi, che conferiscono al vino intensità, qualità e un pizzico di salinità.
    Qui è stato impiantato il più vecchio vitigno risalente a 30 anni fa, con originario sistema di allevamento ad alberello tipico del Nero D’Avola, che permette rese qualitativamente superiori dal punto di vista organolettico e dal potenziale di invecchiamento.

la Produzione

La nostra produzione si basa su un sistema ispirato al rispetto dei tempi della natura che, insieme all’utilizzo di tecniche tradizionali di lavorazione e raccolta, assicurano ai nostri vini qualità organolettiche superiori.

Il controllo di qualità del nostro prodotto viene garantito da un attento monitoraggio di ogni fase di lavorazione e produzione da parte dei nostri tecnici esperti e di consolidata esperienza.

  • II sistema di allevamento
  • La potatura
  • La resa
  • La raccolta
  • La vinificazione
  • II sistema di allevamento

    Il sistema adottato è prevalentemente il più antico, ad alberello, che rende meno in quantità ma favorisce la qualità delle nostre uve.

  • La potatura

    Il sistema di potatura rispecchia il rispetto per i processi naturali e per le tecniche tradizionali, cercando di ridurre al minimo l’utilizzo di macchine. A Sichilli utilizziamo la potatura corta (con sperone a tre gemme), il sistema più antico e classico presente in viticoltura.

  • La resa

    La resa dei nostri vigenti è mantenuta bassa, con una produzione di 50-60 quintali di uva a ettaro a Sichilli e di 70-90 quintali a ettaro a Buonivini. Ciò determina la qualità del prodotto finale.

  • La raccolta

    La raccolta dell'uva, che avviene tra agosto e settembre, è un'operazione delicata, affidata ai nostri contadini. I grappoli sono raccolti usando forbici da pota e adagiati in panieri o sporte.

  • La vinificazione

    Dopo la raccolta le uve vengono portate in cantina e dopo il processo di pigiadiraspatura il mosto viene messo nelle vasche di acciaio a temperatura controllata per circa 7/8 giorni cosi da completare la fase di fermentazione e macerazione. Successivamente il vino, a seconda della tipologia, andrà a fare affinamento nelle barrique e infine sarà imbottigliato.